Il boom dei fumetti al Salone di Torino

boom fumetti salone libro

Hugo Pratt, noto fumettista di Corto Maltese, ha definito il fumetto “letteratura disegnata”, per Claude Beylie è, invece, la “nona arte”. Molto importante è il ruolo degli editori che hanno il compito ulteriore di seguire come procede il business editoriale ed evitare di considerare, come accadeva tempo fa, i fumetti come prodotti di nicchia o da ragazzini e senza valore culturale.

Alla 34esima edizione del Salone del libro di Torino sono stati presentati i numeri, generati dall’Associazione italiana editori (Aie), che evidenziano che un libro su ogni dieci, venduto nel 2021 nelle librerie e online, è un libro di fumetti. È la prima volta che viene fatta un’analisi di settore sul settore fumetti, questa è stata un’edizione del Salone del libro di Torino molto particolare per il periodo storico attuale che deve fare i conti con la guerra in Ucraina e di cui si è parlato molto nel Salone. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha evidenziato, nel suo discorso che precede il Salone, come “Leggere rende liberi. Lo scambio di conoscenza e cultura crea ponti. I libri aprono alla comprensione reciproca e al dialogo” mentre il ministro della Cultura Dario Franceschini ha sottolineato che l’investimento sulla conoscenza è un grande antidoto contro le guerre. Se ci soffermiamo sui numeri vediamo che da quest’anno sono usciti vincitori strisce, graphic novel, manga, e che i fumetti per bambini e ragazzi hanno avuto un incremento notevole tanto da essere al 5,9% sul totale del mercato dei libri. Vediamo, invece, che nel 2019 si attestava al 2,4%, gli 11,5 milioni di copie venduti a fine 2021 sono del 132% in più rispetto al 2020 e del 256% in più del 2019. Agli inizi del 2022 il fumetto rappresenta il 12,3% dei libri che sono stati venduti con un aumento, quindi, del 10% rispetto a fine 2021. Si è notato che le edicole hanno avuto un calo di vendite di fumetti perché il pubblico si è spostato in libreria. Sono soprattutto giovani che acquistano manga per il 58,1% della spesa totale, graphic novel per il 29,7% e poi c’è una piccola parte, il 12,2%, che acquista fumetti “bambini e ragazzi 14+ della Marvel o della DC Comics. Si stima che l’acquisto di fumetti salirà nel tempo e gli studiosi di settore sostengono che sia collegato alla diffusione degli anime giapponesi, dei film hollywoodiani o delle serie tv come, ad esempio, “Strappare lungo i bordi” di Zerocalcare che, su Netflix, ha avuto un grande successo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *